Rapinatori brindisini in trasferta: si costituisce il complice sfuggito all’arresto

BRINDISI – Irreperibile da qualche giorno, accompagnato dal suo legale, Gaetano Aggiano, 20 anni, brindisino, si è costituito in Questura nella tarda serata di ieri. Sul suo capo pendeva un’ordinanza di custodia cautelare in carcere

emessa dal Gip di Parma sulla base dei risultati delle indagini eseguite dalla Sezione antirapina della Squadra Mobile di Brindisi in collaborazione con i colleghi emiliani.
Il giovane è accusato di aver messo a segno almeno un paio di rapine, una da un milione di euro, a Parma insieme a Giovanni Antico, 30 anni, Vincenzo Trono, 29 anni, Girolamo Andrea Diodicibus, 29enne, Davide Pepe, 25 anni, e Nicola Iurlo, 20 anni, anche loro brindisini, finiti in manette nei giorni scorsi.
A consentire di individuare la banda di rapinatori “in trasferta” e identificare i componenti di un secondo gruppo di banditi, sono state le indagini avviate in seguito al colpo, il 26 febbraio scorso, ai danni di una gioielleria: due di loro, a volto scoperto, assaltarono il negozio fingendosi clienti.
Aggiano attende ora di essere ascoltato dai magistrati, mentre i suoi complici sono già stati interrogati, scegliendo, in alcuni casi, di non rispondere.

polizia squadra-mobile

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: