Palagiano: Tentano la “spaccata”, ma sono intercettati dai Carabinieri

E’ accaduto nella notte a Palagiano nel tarantino. Intorno alle 03.00 al 112 è giunta la segnalazione che al Banco di Napoli di via Adua era in corso un furto con scasso. Utilizzando una ruspa, ignoti stavano cercando di scardinare il bancomat dell’Istituto di Credito. Immediatamente è scattato il sistema antirapina: sono state allertate le centrali operative del vicino comune di Massafra e contemporaneamente si è proceduto a bloccare tutte le arterie stradali circostanti, interessando le Compagnie Carabinieri di Castellaneta, Martina Franca, Manduria, Pisticci, Gioia del Colle e Altamura, nonché allertando i Comandi Provinciali CC di Bari, Matera, Brindisi, Lecce e Foggia e le restanti Forze di Polizia. Quasi subito gli operatori della Centrale Operativa Carabinieri di Taranto, sono riusciti ad accertare sia la via di fuga utilizzata dai malfattori, che viaggiavano a bordo di Audi A6 SW colore nero, sia a sapere che il bancomat rubato, era stato caricato a bordo di un autocarro Iveco.
La caccia ai rapinatori è proseguita sino all’alba: intorno alle ore 04.00, l’auto di un istituto di vigilanza li aveva intercettati nel territorio di Gioia del Colle ma lungo la SP 237, che collega i comuni di Mottola a Noci, i malviventi sono riusciti a guadagnare strada disseminando lungo il manto stradale chiodi a tre punte, stratagemma che ha provocato la foratura dei pneumatici dell’auto dei vigilantes. Pochi minuti dopo, i malviventi, a bordo dell’autocarro con il bancomat seguito a breve distanza dall’Audi A6, sono stati intercettati da una gazzella della Compagnia di Gioia del Colle sulla SP 329. I fuggitivi hanno nuovamente disseminato sulla carreggiata, i chiodi, per bloccare l’inseguimento ma in questo caso l’autoradio del NORM è riuscita ad evitarli. Ormai braccati, i malfattori, hanno cambiato strategia; l’Audi A6, superando l’autocarro, si è dileguata forte velocità, mentre il conducente dell’autocarro Iveco abbandonato nelle campagne circostanti si è dileguato a piedi. Sul cassone coperto da un telone, i militari hanno rinvenuto il bancomat appena rubato. Successivi accertamenti hanno permesso di appurare che il mezzo utilizzato per la “spaccata” e dunque per scardinare il bancomat, abbandonato dinanzi all’istituto di credito, e l’autocarro Iveco utilizzato per il trasporto del bancomat, erano stati rubati qualche ora prima del colpo da un cantiere edile di Palagianello in località “Parco Casale”, nei presso della Stazione F.S..
La cassaforte bancomat, integra che custodiva denaro di poco inferiore a 140mila €,è stata restituita all’istituto di credito. La ruspa e l’autocarro, saranno ora sottoposti ad accertamenti di polizia scientifica allo scopo di rilevare tracce utili.

2014-02-22 09.47.05

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: