Operazione Froth. Sgominata organizzazione di trafficanti e spacciatori di droga.

Lecce – Aveva la base a Lecce e ramificazioni in numerose località salentine e pugliesi l’organizzazione dedita al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, colpita dalle prime ore di questa mattina da una raffica di arresti.

29 le ordinanze di custodia cautelare scaturite da un’articolata indagine, denominata “Operazione Froth”, ed eseguite dai Finanzieri della Compagnia di Lecce, coadiuvati dai colleghi di tutti i reparti del Corpo della provincia, prevalentemente nel capoluogo salentino e a Bagnolo del Salento, Cavallino, Galatone, Otranto, Uggiano La Chiesa, Mola di Bari, Napoli, Taranto, San Pietro Vernotico e Torchiarolo.

I provvedimenti, firmati dal G.I.P. del Tribunale di Lecce, Dott.ssa Annalisa de Benedictis, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica Dott. Giuseppe Capoccia, hanno disposto il trasferimento in carcere di 19 persone (tre delle quali già detenute) e gli arresti domiciliari per le restanti 10. Tre dei destinatari, due albanesi ed un salentino, si sono sottratti alla cattura.

Le indagini, iniziate nel maggio del 2012, hanno
permesso di delineare l’organigramma del sodalizio capeggiato da Davide VADACCA, esponente di
spicco del panorama criminale salentino, legato al detenuto Roberto NISI e suo aspirante successore per il controllo dell’associazione malavitosa.
Numerosi i riscontri acquisiti dagli investigatori grazie ad appostamenti, sopralluoghi e mirate indagini tecniche che hanno portato ai sequestri di ingenti quantità di droga e agli arresti dei soggetti che, a vario titolo, alimentavano l’organizzazione.

Le indagini hanno inoltre permesso di fare luce su una serie di sparatorie ed attentati ai danni di alcuni componenti del gruppo, consentendo di individuarne i responsabili e il loro compito.
Fondamentale nell’organizzazione è risultato essere il ruolo delle donne, finite poi in manette: alcune di loro dedite allo spaccio di ingenti quantitativi di droga, per lo più eroina e cocaina, altre incaricate di custodire gli stupefacenti e gli ingenti “ricavi” derivati dal collaudato e florido traffico.

In casa di uno dei destinatari dei provvedimenti restrittivi, sono stati individuati una serra completa di lampade, con all’interno una piantagione di marijuana, circa 30 gr. di marijuana contenuta in numerosi involucri e due bilancini di precisione.

Nell’operazione di oggi sono state impiegate 35 pattuglie, per un totale di oltre 130 militari, ed unità cinofile.

I destinatari dei provvedimenti di custodia cautelare in carcere sono:
1. Davide VADACCA, 31 anni di Lecce (già detenuto)
2. Teodoro DI LAURO, detto “Rino”, 56 anni di Brindisi (già detenuto)
3. Luca D’ATTIS, detto “fratellino”, 34 anni di San Pietro Vernotico (già detenuto)
4. Eugenio Antonio CAMPA, detto “zio Eugenio”, 55 anni di Sanarica
5. Salvatore NOTARNICOLA, detto “Toto”, 33 anni di San Pietro Vernotico
6. Gianluigi NOTARNICOLA, 26 anni di San Pietro Vernotico
7. Cinzia PRINARI, detta “zia Cinzia”, 49 anni di Lecce
8. Carmelo CAZZELLA, detto “Carmelino”, 44 anni di Lecce
9. Antonella BURSOMANNO, 42 anni di Lecce
10. Manuela QUARTA, 22 anni di Lecce
11. Maria DELL’ANNA, detta “Ilaria”, 32 anni di Lecce
12. Pietro BELLANOVA, detto “Piero”, 61 anni di Brindisi
13. Antonio PATERA, detto “Gregorio”, 36 anni di Nardò
14. Marco PERRONE, 38 anni di San Pietro Vernotico
15. Antonio NicolaTANZI, 47 anni di Mola di Bari
16. Dhori TOLE, 22 anni Albania

Beneficiano degli arresti domiciliari:
1. Alessio BELLANOVA, detto “Gabibbo” o “nipotino”, 32 anni di Campi Salentina 2
2. Rocco Salvatore AMENDOLARA, 37 anni di Maglie
3. Antonio CONTE, 28 anni di Lecce (attualmente detenuto in carcere)
4. Triska D’AMATO, 24 anni di Lecce
5. Pierpaolo MAGLIANI, 36 anni di Poggiardo
6. Cristina PELUSO, 31 anni di Lecce
7. Alessandro PERRONE, detto “Sandro”, 37 anni di Lecce
8. Antonio PISANO’ , 37 anni di Novoli
9. Francesco Eros VELARDI, 31 anni di Lecce
10. Sebastian Giglio, 23 anni di Campi Salentina

guardia-di-finanza

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: