Operazione Cassandra: in quattro tornano in carcere per pena residua

SAN GIORGIO JONICO – Quattro persone sono state arrestate la notte scorsa dai carabinieri della Compagnia di Martina Franca dopo che, al termine dei tre gradi di giudizio, la Corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato dai loro legali a seguito del giudizio d’appello e ne ha decretato, di fatto, il ritorno in carcere per il periodo residuo da scontare.

Le porte del carcere si sono nuovamente spalancate per Biagio PASTORE, 56 anni, Giuseppe FRISCIRA, di 49 , Vincenzo VALLERI di 47 e Marco Cosimo SANTESE, di 66, tutti di San Giorgio Jonico.

Si tratta di soggetti coinvolti nell’operazione “Cassandra” che, divisa in due “tronconi”, nel 2006 portò all’arresto di ventitré persone e nel 2007 a quello di altre diciannove ritenute responsabili dei reati continuati ed in concorso tra loro di violenza sessuale, circonvenzione d’incapace, sfruttamento della prostituzione e minaccia perpetrata nei confronti di persone in condizioni d’inferiorità psichica.carabinieri-gazzella-1

Le ordinanze furono emesse dal G.I.P. del Tribunale di Taranto, Patrizia Todisco, su richiesta dell’allora Sostituto Procuratore presso lo stesso Tribunale, Vincenzo Petrocelli.

Nel corso delle indagini, i militari della stazione di S. Giorgio, mediante controlli e pedinamenti ma soprattutto grazie alle loro doti umane ed alla spiccata sensibilità, riuscirono a far luce su presunti abusi e sfruttamenti di persone con problemi psichici accaduti tra il 2005 e il 2006. I carabinieri, vestiti da dottori, riuscirono a conquistare la fiducia nelle vittime (minacciate dai loro aguzzini) e a farsi raccontare delle frequenti prestazioni sessuali fornite in cambio di “pochi spiccioli” o di qualche regalino.

Emerse dunque che gli arrestati ebbero la possibilità di fare leva sull’incapacità delle vittime di rifiutare tali prestazioni, trasformandole così in oggetti atti alla soddisfazione dei propri bisogni. Tutto ciò venne reso più grave dal fatto che l’handicap delle vittime era ben evidente agli occhi di chiunque.

Pastore e Santese dovranno scontare la pena residua di 2 anni e 8 mesi di reclusione; Friscira di 3 anni e 2 mesi di reclusione e Valleri di 1 anno e 8 mesi di reclusione.

Friscira giuseppe banda  PASTORE BIAGIO COSIMO BANDA santese marco cosimo bandaVALLERI  VINCENZO BANDA

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: