Maxi sequestro della Capitaneria di oltre 123 mila vasetti di tonno privo di tracciabilità

I sigilli sono stati posti nei confronti di un’industria conserviera in provincia di Taranto. Si tratta di un sequestro senza precedenti in termini quantitativi, di conserve a base di tonno mancanti dei prescritti requisiti di tracciabilità. Il provvedimento rientra nell’ambito di una più ampia operazione di controllo della commercializzazione dei prodotti ittici, coordinata dal 6° Centro di Controllo Area Pesca (C.C.A.P. della Direzione marittima di Bari). Le attività di verifica effettuate dal personale militare del Nucleo di polizia giudiziaria della Capitaneria di porto – Guardia costiera di Bari sono iniziate nella mattinata di ieri, presso lo stabilimento della Provincia di Taranto, specializzato nella produzione di conserve di pesce, crostacei e molluschi. Accertata la presenza di una grande quantità di prodotti finiti e pronti per essere commercializzati (decine di migliaia di vasetti contenenti tonno sott’olio), i militari hanno proceduto al controllo del sistema e delle procedure predisposte dall’azienda.
tonno1

Dalle verifiche è emersa l’impossibilità di stabilire la rintracciabilità del prodotto ispezionato, non essendo in grado l’azienda di dimostrare in alcun modo la riconducibilità dei lotti di produzione da essa assegnati alla documentazione commerciale di ingresso degli alimenti (fatture), così vanificando l’esigenza di attribuire, in modo certo e trasparente, ai singoli vasetti le informazioni obbligatorie previste dalla normativa nazionale e comunitaria (tipologia di pesce, zona e metodo di cattura, periodo di pesca).
Al termine dei controlli, i militari hanno sottoposto a sequestro amministrativo, complessivamente, 123.723 vasetti di vetro, per un peso totale di 70 tonnellate circa, contenenti conserve di scombridi (tonno pinna gialla, palamita, tonnetto alletterato, tonno alalunga) in filetti e ritagli. Inoltre, sono stati sequestrati 147 esemplari congelati, per un peso complessivo di 1.200 chilogrammi circa, di tonno alletterato, anch’esso privo di rintracciabilità. Il valore commerciale stimato, alla vendita al dettaglio, degli alimenti sottoposti a vincolo ammmonta a circa 1 milione di euro.
Al titolare dello stabilimento è stata comminata una sanzione amministrativa pecuniaria pari (nell’importo massimo) a 4.500 euro.
Le attività di controllo continueranno anche nei prossimi giorni allo scopo di garantire che, a tutela del fondamentale diritto alla salute, sulle tavole dei consumatori giungano prodotti della pesca tracciati e sicuri.

tonno2

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: