Manduria: “Tares, ma quanto ci costi?” dibattito di GpM anticipa consiglio comunale

Ha anticipato la discussione che si terrà in consiglio comunale sulla riscossione dei tributi e della Tares in particolare, il dibattito “Tares, ma quanto ci costi” organizzato dal Movimento Politico Culturale Giovani per Manduria che, non essendo presente nella massima assise cittadina, ha voluto confrontarsi pubblicamente con l’Amministrazione Comunale accendendo i riflettori su un tema sicuramente di attualità ed interesse per la comunità. Di fatto i punti di criticità erano stati già evidenziati nei comunicati stampa prodotti dalle varie componenti politiche: si chiedeva il passaggio del provvedimento in Consiglio comunale e la riscossione diretta per lasciare nelle casse comunali la somma di aggio destinata invece a coprire i costi dell’esternalizzazione. Il sindaco in apertura ha ricostruito la situazione degli ultimi anni per giungere agli elementi che hanno portato l’Amministrazione, che si era insediata da pochissimo tempo, ad affidare il servizio alla Censum: occorreva decidere subito perché la prima scadenza della Tares era ormai alle porte. E la decisione non è stata semplice ma è giunta dopo un’attenta valutazione sia dei termini del contratto che era stato stipulato dalle passate amministrazioni, per evitare nuovi contenziosi, che delle possibilità di organizzare in proprio la riscossione con l’attuale ufficio tributi che purtroppo però non dispone nè del data base dei contribuenti né delle necessarie professionalità a gestire la mole di lavoro derivante non solo dalla riscossione ma anche dall’elusione ed evasione.
E’ importante sgombrare il campo da equivoci: la somma pagata dal contribuente non diminuisce se il servizio è gestito dal comune, l’importo resta quello stabilito dalla legge. Oltre a Tullio Mancino, Presidente del Movimento, erano presenti al dibattito
Mimmo Lariccia e Arcangelo Durante, unici consiglieri firmatari della richiesta di convocazione del Consiglio Comunale monotematico sulla questione Tares, il consigliere del Comune di Sava Ivano Decataldo che ha illustrato l’esperienza del suo
Comune, che ha deciso di gestire il tributo direttamente, il sindaco Roberto Massafra e l’assessore alle Finanze del Comune di Manduria, Nicola Muscogiuri.

Manduria Municipio1

(Nel servizio su Rtm News le interviste realizzate durante la serata)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: