Manduria: stretta dei Carabinieri su abbandono di rifiuti e discariche abusive. Denunciati 4 fratelli

Continuano i controlli dei Carabinieri della Compagnia di Manduria (Ta) finalizzati a prevenire e contrastare i reati e gli illeciti in materia ambientale. Si tratta di verifiche volte a monitorare
il territorio per individuare la presenza di siti oggetto di abbandono incontrollato dei rifiuti.
Durante tali attività, i militari della Stazione di Manduria (Ta) supportati da quelli del Nucleo Operativo Ecologico di Lecce, nei giorni scorsi, a San Pietro in Bevagna hanno sottoposto a sequestro un’area, dell’estensione di circa 3.000 mq, destinata a parcheggio, utilizzata come discarica abusiva. I militari hanno accertato la presenza di rifiuti speciali, pericolosi e non, costituiti da inerti da demolizione, materiale plastico vario, pneumatici usurati, lastre in eternit, bidoni contenenti solventi e pitture, sanitari e mobili vari. Dell’attività sono state informate le Autorità competenti per i relativi provvedimenti di bonifica.

Nell’ambito della stessa attività i Carabinieri hanno denunciato in stato di libertà, alla Procura della Repubblica del capoluogo jonico, 4 fratelli del posto per aver realizzato e gestito una discarica abusiva di rifiuti pericolosi. I militari hanno individuato, all’interno di una cava dismessa, sita in agro di Manduria, la presenza di un cumulo di rifiuti pericolosi composto da inerti da demolizione, materiale plastico di vario genere, pneumatici usurati e onduline in amianto. Gli immediati accertamenti hanno consentito ai Carabinieri di identificare i quattro fratelli che hanno realizzato e gestito tale sito come una vera e propria discarica abusiva. Al termine delle formalità di rito, i 4 fratelli sono stati denunciati in stato di libertà, mentre il terreno, di circa ventimila mq, è stato sottoposto a sequestro penale. Le attività di contrasto agli illeciti ambientali da parte dell’Arma dei Carabinieri continueranno anche nei prossimi giorni con appositi servizi preventivi e repressivi grazie ai quali si cercherà di garantire ai cittadini un ambiente più salubre e decoroso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: