Manduria: morte cerebrale per la 51 enne investita a San Pietro in Bevagna

Le sue condizioni erano sembrate subito disperate: il miracolo, da tanti auspicato, non c’è stato. Per Annarita Massafra, la donna manduriana di 51 anni, investita sabato notte a San Pietro in Bevagna i medici dell’ospedale SS. Annunziata di Taranto dove era ricoverata hanno dichiarato la morte cerebrale. La tragedia si è verificata in via Egadi intorno alle 23.15. Era di ritorno dalla processione che si è tenuta nella marina manduriana in onore di San Pietro quando, in una strada completamente al buio ma utilizzata per deviare il traffico della festa, è stata investita insieme ad un’altra donna che era con lei, da un’auto una Fiat Grande Punto il cui conducente, un giovane manduriano di 20 anni, rintracciato successivamente dai Carabinieri, non si è fermato, pensando di aver semplicemente urtato un ramo sporgente. A soccorrere la donna ferita gravemente alla testa, poco distante sempre a piedi, c’era il marito e altri testimoni che hanno allertato 118 e Carabinieri. Trasportata d’urgenza all’Ospedale SS. Annunziata di Taranto e ricoverata nel reparto di rianimazione Annarita Massafra non ha mai ripreso conoscenza. Momenti terribili per la sua famiglia, il marito e i tre figli, a cui vanno le più sentite condoglianze.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: