Manduria: altri due progetti ammessi a finanziamento per lo sviluppo sostenibile della Riserva Naturale

Un nuovo ed entusiasmante successo è stato raggiunto per le Riserve Naturali di Manduria. Dopo l’ammissione al programma
dell’Unione Europea Interreg V-A Grecia Italia 2014-2020, altri 2 progetti con partner l’area protetta sono stati ammessi a finanziamento per il programma Interreg IPA CBC Italia-Albania-Montenegro.
Il Programma transfrontaliero Interreg IPA “Italia-Albania-Montenegro” si innesta nello scenario di cooperazione in area adriatica per il periodo 2014/2020, caratterizzato dall’ingresso della Croazia in Europa, dall’adozione di nuovi Programmi di cooperazione, dalla definizione della Strategia Macroregionale Adriatico Ionica, e da un sempre più intenso tessuto di relazioni tra Puglia, Albania e Montenegro.
Ne ha dato notizia la commissaria Prefettizia Francesca Adelaide Garufi.
Il Programma è stato istituito con l’intento di dare maggior forza alla cooperazione IPA nell’area del basso Adriatico, favorendo uno sviluppo intelligente, inclusivo e sostenibile.
Il Programma intende facilitare lo scambio di conoscenze ed esperienze fra gli stakeholder regionali e locali dei tre Paesi, sviluppare e implementare azioni pilota, misurare la fattibilità di nuove politiche, prodotti e servizi, supportare gli investimenti nei settori di interesse.
Sono state finanziate importanti azioni per la salvaguardia e la miglior gestione dei nostri siti naturalistici sono, e nello specifico:
– il progetto LASPEH, che ha tra i partner l’ Agenzia Nazionale dall’Area Protetta in Albania, i Parchi Nazionali del Montenegro, il parco Regionale delle Dune Costiere tra Torre Canne e Torre San Leonardo e il comune di Ugento, si prefigge, tramite interventi di ingegneria naturalistica e azioni pilota, di migliorare lo stato di conservazione della specie a rischio di estinzione “Botaurus stellaris” (tarabusino), presente in Palude del Conte;

– il progetto 3 WATCH-OUT, che ha tra i partner la Sezione Protezione Civile – Regione Puglia, il ministero degli affari interni – Albania, Consiglio d’Amministrazione per la gestione delle emergenze del Ministero dell’interno del Montenegro e l’Università di Bari, ha tra gli obiettivi principali:

1. lo scambio tra i partner di esperienze e informazioni sulla gestione dei rischi in area protetta;
2. la formazione del personale locale addetto alla difesa da calamità naturali (attraverso il coinvolgimento delle comunità locali);
3. il sostegno alla cooperazione transfrontaliera e alla competitività delle piccole e medie imprese;
4. la gestione intelligente del patrimonio naturale e culturale per la valorizzazione del turismo transfrontaliero sostenibile e per l’attrattività dei territori;
5. l’incremento dell’accessibilità transfrontaliera, promozione dei servizi di trasporto sostenibili, miglioramento delle infrastrutture pubbliche.
I due progetti di conservazione e divulgazione scientifica ammessi a finanziamento aumenteranno la consapevolezza nella corretta gestione delle risorse e garantiranno lo sviluppo sostenibile dell’area protetta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: