Maltempo nel Salento: nubifragi nel tarantino e tromba d’aria a Gallipoli

La provincia di Taranto nuovamente flagellata dal maltempo: danni ed enormi disagi alla circolazione si registrano dopo il violento temporale che si è abbattuto in queste ore sulla città di Taranto e nei comuni della provincia. Sono numerose le richieste di soccorso giunte ai vigili del fuoco, che, come sempre in queste situazioni, sono impegnati a liberare negozi e scantinati dall’acqua e verificare l’agibilità di numerosi edifici. In alcune strade si sono create voragini per il cedimento
dell’asfalto. Il nubifragio non ha risparmiato i comuni di entrambi i versanti, orientale e occidentale. Nella zona più a sud particolarmente colpite Manduria e Sava con numerose strade allagate e disagi per la circolazione. A Castellaneta la strada provinciale 15 (tra Masseria Gaudella e Laterza) è franata in più punti. Il Comune ha diramato un avviso sottolineando che “è estremamente pericoloso percorrerla”. La situazione è difficile anche a Ginosa e Marina di Ginosa, dove il 7 ottobre scorso sono morte quattro persone a causa di un’alluvione; alcune zone risultano isolate. Il forte vento ha complicato non poco le operazioni di soccorso da parte dei vigili del fuoco.

All’attenzione del Consiglio regionale Pugliese “la situazione maltempo” è stata comunicata il presidente Puglia Onofrio Introna, in apertura dei lavori dell’assemblea chiamata a discutere sulla vicenda Ilva. Sotto attenzione soprattutto l’area di Ginosa già colpita da una alluvione il 7 ottobre scorso. A tal fine il Consiglio ha osservato un minuto di silenzio per i morti causati dal maltempo in Sardegna, ma un pensiero è stato rivolto dal Presidente Introna anche al ricordo dei quattro morti di Ginosa. “I maggiori problemi riguardano la circolazione stradale con frane, fango e allagamenti.” La Protezione civile sta intervenendo, ha spiegato Introna – preannunciando anche un ordine del giorno alla fine dei lavori per sollecitare il governo centrale a intervenire sulle questioni del dissesto idrogeologico.

Altra area colpita da vari nubifragi il Salento e in particolare Gallipoli violentemente spazzata da una tromba d’aria che ha si è abbattuta proprio nell’abitato. Momenti di panico si sono vissuti quando, nel centralissimo corso Roma, sono andati in frantumi i vetri delle finestre e sono saltati gli infissi dell’istituto superiore Quinto Ennio. La scuola è stata evacuata. Due persone sono state medicate al Pronto soccorso, per lievi abrasioni conseguite quando è saltata la porta d’ingresso della scuola: sono uno studente di 16 anni e un uomo di 45 anni. Danneggiata dalla furia del vento la fontana di Piazza Carducci nonché i vetri delle finestre della vicina scuola elementare. Crollato un tratto del muro che costeggia la ferrovia, pali dell’energia elettrica divelti e nel porticciolo barche capovolte. Circolazione stradale interrotta in alcuni tratti della strada statale 101 Lecce-Gallipoli a causa della caduta di alcuni alberi. A Lecce resi inagibili tutti i sottopassi.
Allagamenti si registrano anche a Copertino, Porto Cesareo e nell’area industriale di Nardò.

vigili_del_fuoco

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: