Le acque scure nella marina di Lizzano non provengono dalle opere di AQP

In riferimento alle recenti notizie relative al rilascio di acque scure nel mare della Marina di Lizzano, Acquedotto Pugliese precisa che le stesse, riprese nelle immagini, non sono, in assoluto, rinvenienti da opere gestite dall’Azienda.

Si precisa, altresì, che il depuratore consortile a servizio degli abitati di Lizzano, Fragagnano e San Marzano funziona correttamente e rilascia solo acque chiare e inodore, cinque chilometri a monte della costa.
Acquedotto Pugliese diffida chiunque a diffondere notizie false e lesive dell’immagine e della onorabilità di quanti ogni giorno con il loro impegno garantiscono un servizio fondamentale per la qualità di vita delle comunità servite.

Il depuratore consortile è dotato delle migliori tecnologie e di un avanzato sistema di sicurezza. Rilascia acque di ottima qualità nel Canale Ostone, oltre 5 chilometri lontano dalla costa, al confine dell’impianto. AQP non è responsabile della gestione del canale, né tanto meno di quanto sversato da terzi lungo l’intero percorso. Le analisi sistematiche fatte alle acque in uscita dal depuratore registrano valori a norma di legge.

Nell’ottica di una gestione trasparente e al servizio del territorio AQP apre le porte dell’impianto ed è disponibile a ogni forma di collaborazione con le istituzioni locali, come assicurato da sempre.

I depuratori sono presidi sanitari a tutela del territorio e della qualità di vita complessiva dell’area servita, con l’esclusivo compito di restituire al loro ciclo naturale e con modalità compatibili e rispettose dell’ambiente, le acque provenienti dalle abitazioni dei cittadini allacciate regolarmente alla pubblica fogna.

(Nota di AQP)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: