Emergenza profughi: gara di solidarietà dei Giovani Industriali di Puglia

Taranto – Si sono adoperati per far fronte all’emergenza profughi che, negli ultimi mesi, ha particolarmente interessato la città di Taranto con frequenti sbarchi di immigrati tratti in salvo dai militari della Marina Militare nell’ambito dell’operazione “Mare Nostrum”.

I Giovani Industriali di tutta la Puglia, su impulso del Gruppo G.I. di Taranto, si sono lanciati in una gara di solidarietà rispondendo con grande senso di umanità e soprattutto tempestività, alle svariate richieste. E’ stata raccolta una gran mole di beni di prima necessità, prodotti per l’igiene della persona, pannolini per bambini, latte in polvere, alimenti secchi, abiti e scarpe di tutte le taglie e misure: aiuti che il sindaco di Taranto, Ippazio Stefàno, ha particolarmente apprezzato.
Per illustrare quali sono stati gli esiti della raccolta e fare il punto su una situazione che è purtroppo ancora attualissima e particolarmente critica, i giovani industriali pugliesi hanno tenuto una conferenza stampa nella sede di Palazzo Pantaleo, nella città vecchia, a cui erano presenti il comandante dei Vigili Urbani di Taranto Michele Matichecchia, i Presidenti dei Giovani Industriali di Puglia Francesco Frezza e di Taranto, Luigi De Francesco, e la vicepresidente dei Giovani di Taranto Beatrice Lucarella. Sono intervenuti i Presidenti delle territoriali di Bari, Lilly Todaro, e Lecce, Viola Margiotta, ed una rappresentanza delle aziende che hanno assicurato il loro contributo.
Al termine dell’incontro il Presidente De Francesco ha consegnato una pergamena di ringraziamento a tutti coloro i quali hanno collaborato, a titolo personale o con la propria azienda, alla raccolta. In alcuni casi sono stati i dipendenti delle aziende ad assicurare, spontaneamente, il proprio contributo.
L’appello, tuttavia, è stato pienamente accolto con grande senso di umanità e soprattutto tempestività rispetto alle svariate richieste.

Giovani Industriali Puglia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: