Depuratore Manduria-Sava: il Pd di Taranto ed Avetrana sarà baluardo invalicabile

Una nota a firma del Segretario Provinciale del PD di Taranto avv. Giampiero Mancarelli e del segretario del circolo PD di Avetrana dott. Bartolo Punzi chiarisce la posizione del partito sugli ultimi sviluppi dell’annosa vicenda depuratore consortile Manduria Sava che, com’è noto, interessa da vicino anche e soprattutto il Comune di Avetrana.
“La vicenda del depuratore si arricchisce di un’altra puntata di questa storia infinita che coinvolge l’intera zona sud orientale della provincia di Taranto.
L’istanza rivolta dall’Aqp alla Regione Puglia per una nuova Via-Paur individua il bacino dell’Arneo di Torre Columena come recapito finale emergenziale del costruendo depuratore consortile Manduria-Sava.
La comunità di Avetrana oltre ad essere già penalizzata dalla localizzazione ad Urmo del depuratore, contiguo alla zona di sviluppo turistico di Avetrana, ora non può più sopportare lo scarico emergenziale in area Sic di Torre Columena e riserva naturale a pochi metri dalla spiaggia della baia e poco distante da Punta Prosciutto riconosciuta come una delle spiagge più belle del mondo sede di villeggiatura della maggior parte della popolazione di Avetrana.
Vogliamo che tutti i soggetti coinvolti facciano squadra per un’opera che soddisfi le aspettative e superi i dubbi che la comunità legittimamente esprime.”
La nota conclude con un messaggio molto chiaro “Il PD provinciale e di Avetrana, già contrario alla localizzazione dell’impianto in zona Urmo, sullo scarico a mare, anche se emergenziale, sarà baluardo invalicabile.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: