A Taranto per la prima volta il Coordinamento Nazionale Fim Cisl Siderurgia ed Alluminio

Si riunisce, domani, Martedì 21 maggio, per la prima volta a Taranto, il Coordinamento Nazionale Fim Cisl del settore Siderurgia e Alluminio. L’incontro accoglierà la partecipazione dei rappresentanti dei maggiori Gruppi del settore, e dei territori (Taranto, Terni, Alcoa Sulcis, Venezia) dove sono presenti i relativi insediamenti. Tra i tanti,  il sardo Rino Barca, segretario regionale e provinciale dei metalmeccanici della Fsm Cisl, noto per le lotte del 2012, quando per diversi giorni è stato asserragliato a 70 metri di altezza su un silos Alcoa a Portovesme. Il Coordinamento, sarà introdotto dal segretario nazionale Marco Bentivogli.

ilva 2

Un evento storico per la città di Taranto, che si ritrova ad ospitare l’importante momento di riflessione, anche alla luce delle note problematiche ambientali. La Fim Cisl (forza di conciliazione tra sviluppo e ambiente) è per l’affermazione di un modello di sviluppo sostenibile. La ricerca tecnologica, le buone esperienze, anche nel nostro Paese, dimostrano che vi sono piste concrete che dimostrano la conciliabilità possibile tra sviluppo e ambiente se si superano incompetenze, reticenze e posizioni di retroguardia.

Tale incontro è l’occasione, inoltre, per fare il punto sull’argomento Siderurgia. Nel quadro generale della Siderurgia e dell’Alluminio, lo stabilimento Ilva di Taranto ricopre un ruolo importante e l’Aia si colloca nel solco di una lunga vertenzialità della Fim Cisl, sui versanti della conferma del ciclo produttivo del sistema siderurgico ionico, della salvaguardia della qualità ambientale dentro e fuori la fabbrica, nonché della qualità del lavoro, della salute e della sicurezza dei dipendenti diretti e dell’indotto dello stabilimento di Taranto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: